Seggiole, Giusti ed Eutanasie

0
957

Io ballo da sola, dice la banda Veltroni. Il Partito Democratico, qualunque legge elettorale si prospetti, correrà per sé.

Niente inciuci o coalizioni, nessuna compagnia (s)comoda e partitucoli a rimorchio: il Walter nazionale lancia il guanto di sfida a Forza Italia, che per bocca del suo leader risponde serafica. “Vedremo”, commenta Silvio Berlusconi; nella Casa delle Libertà non ci sono dissidi ma comunione di valori, non c’è una palla al piede come la sinistra radicale. Secondo Gianfranco Fini è tutta una trappola, e il segretario di AN esclude suicidi politici da parte del Cavaliere. Prevedibile e dura, poi, la reazione dei “piccoli”. Per Franco Giordano il PD è il massimo fattore di instabilità, nonostante l’aura cortese e rassicurante; gli si accodano immediatamente scontenti a grappoli. Ma la crisi decisionale in cui ristagna la classe politica ha bisogno di uno scossone, secondo Veltroni, ecco spiegata la mossa ad effetto. Servono ambizioni riformiste serie e un partito capace di parlare dei problemi della gente, con un linguaggio accessibile a tutti. Dunque, è realmente questione di coraggio? Chi ha a cuore le sorti del paese deve adeguarsi alla vocazione al maggioritario, soggiacendo alla naturale tendenza del nuovo venuto? Pare di no, perché nell’attuale governo l’incompatibilità di idee è tale da obbligare molti suoi componenti a rinnegare la filosofia comune. Parola di Massimo D’Alema, a cui fa eco il capogruppo dei senatori Prc Spena, che parla di tentata eutanasia. “Così si rischia di staccare la spina a Prodi. Ogni posizione che indebolisce il confronto è negativa”. La seggiola è l’appiglio più goloso, inutile negarlo, e quando non si hanno più carte da giocare si estrae dalla manica il solito jolly. Un bluff, un trucco dozzinale, ma sempre efficace. “Non si può fare in venti mesi quel che si è disfatto in cinquant’anni”, dice il Presidente del Consiglio. Ma se l’alternanza di cattivi governi non ha saputo avviare un’azione riformista forte e serena, davvero un’ulteriore frammentazione porterebbe buon frutto? Non sarà stato un eccelso statista, piuttosto era un uomo avverso alle public relations, ma Francesco Forgione da Benevento, ai più noto come Padre Pio di Pietrelcina, soleva dire che se è il caso a fare di un uomo un eroe, serve il valore di ogni giorno per fare un Giusto.