IL MINISTRO FRATTINI A LIMA PER IL VERTICE UE – AMERICA LATINA

0
774
3583156402.jpg

 Temi generali del Vertice sono "povertà, disuguaglianza ed inclusione" e
"sviluppo sostenibile, ambiente, cambiamenti climatici ed energia"
L’Italia sostiene l’integrazione regionale in America Latina, ed intende favorire
la conclusione in tempi ragionevoli di buoni Accordi di Associazione conl’Unione Europea
Anche alla luce della significativa convergenza di tutti i Paesi dell’area latinoamericana e caraibica su un’unica agenda, il Ministro Frattini esprimerà il forte interesse dell’ Italia a rafforzare la presenza in quella regione, sul piano politico ed economico.
Il Ministro degli Affari Esteri Franco Frattini è giunto oggi a Lima per rappresentare l’Italia al quinto Vertice dei Capi di Stato e di Governo UE–America Latina e Caraibi, al quale
partecipano complessivamente 60 Paesi (i 27 membri dell’Unione Europea e 33 Paesi latino-americani e caraibici).
L’evento si inscrive nel solco tracciato dai Summit di Rio de Janeiro (28-29 giugno 1999), di Madrid (17 maggio 2002), di Guadalajara (Messico, 27-28 maggio 2004) e di Vienna (12 maggio 2006), attraverso i quali si è inteso lanciare e rafforzare un partenariato
strategico tra due aree che presentano, a fronte di differenti livelli di crescita economica e di condizioni sociali, una sostanziale omogeneità culturale.
I temi generali del Vertice sono "povertà, disuguaglianza ed inclusione" e "sviluppo sostenibile, ambiente, cambiamenti climatici ed energia". È inoltre in programma un incontro dei Ministri degli Esteri, incentrato su problematiche come la lotta al narcotraffico,
il dialogo interculturale e le migrazioni, l’integrazione regionale..
Particolare rilievo spetta al tema dell’integrazione regionale: il Vertice di Lima potrà
costituire un’opportunità per effettuare un bilancio dei progressi sin qui realizzati, soprattutto nel contesto della Comunità Andina, dell’America centrale e del Mercosur.
Questi processi sono strettamente connessi ai negoziati in corso tra l’Unione Europea e tali raggruppamenti regionali per la futura conclusione di Accordi di Associazione.