L’Apostolato Del Fanatismo

0
1037

Rapiti per errore.

Giuliano Paganini, 64 anni, Jolanda Occhipinti, 51 anni, i cooperanti italiani in Somalia stanno bene, la fonte è ufficiale. Nessuna richiesta di riscatto o rivendicazione di sorta, ad oggi. Dove si ferma l’umana virtù, dove l’architettura della sensibilità prende una pausa e scende dal mondo in corsa, lì comincia la ragione dell’estremismo. Nessuno può dire “Dio sa che sono sincero”, se imbraccia uno strumento di morte, di terrore. Il culto delle armi corre di pari passo con la storia degli uomini, e l’anatomia ideologista l’ha sovente mascherato da necessità.  La questione somala non è un mistero, da anni è tenuta ai margini dei margini, e arranca sui tornanti del conflitto. I guerriglieri di mille oligarchie sgangherate, improvvisate od organizzate vengono per comodo o per strategia ricondotti ad Al Qaeda, mentre gente di ogni etnia viene falciata dai moderni satrapi, randagi e fanatici. È difficile sostenere un’accusa contro bande di soldati inconsapevoli, spesso poco più che bambini, e non è questa le sede per demonizzare, né per sfornare giudizi sommari. È soltanto un punto di partenza per focalizzare una serie di interrogativi feroci, sulla civiltà che sequestra volontari e operatori di carità in nome di un sospetto, un’ipotesi, un equivoco. Il consesso internazionale usa & abusa della parola Democrazia, ma sono in molti a chiedersi quale sia la sua essenza, il suo traguardo. E per quale motivo le forze (ingenti) in campo si battono il petto in senso di colpa o fanno ammenda e tragedia solo quando la situazione è già precipitata. Ma prevenire non era meglio che curare? Chi non è toccato dalla grazia del Dio per cui combatte, viene colpito dai commerci della terra, senza sapere di essere una pedina nel gioco dell’orrore di cui il genere umano è da sempre profeta e condottiero. Nessuno può dare o togliere la vita, dopo essersi gonfiato la bocca di termini sublimi come pace e libertà. E se quegli apostoli armati non sono ancora stati sconfitti, serve un profondo esame di coscienza per tutti.