Appello ai cittadini e politici europei in difesa dell’agricoltura biologica

0
1282

Appello in difesa dell’agricoltura biologica!

Sono sempre stata una convinta sostenitrice dell’agricoltura biologica, che ho incluso come uno dei temi prioritari delle mie due campagne elettorali.

Ritengo infatti che l’agricoltura convenzionale rappresenti un fattore di rischio in più per la salute dell’umanità a causa della presenza di additivi e pesticidi nelle coltivazioni e medicinali e ormoni nell’allevamento di animali. Non solo, ma l’agricoltura biologica produce meno C02 e permette un fortissimo risparmio di petrolio favorendo inoltre  l’occupazione e l’imprenditoria locale.

Quindi un popolo civile e moderno dovrebbe convertire massicciamente la propria produzione nel senso dell’agricoltura biologica.

Sta avvenendo esattamente l’opposto.

Se non succede nulla, il 1 gennaio 2009 l’agricoltura biologica sarà condannata a scomparire.

La colpa è di un regolamento comunitario imposto dalla Commissione europea ignorando clamorosamente il voto del Parlamento europeo che equipara l’agricoltura biologica a quella convenzionale per quel che riguarda la contaminazione accidentale da OGM.

Il regolamento comunitario prevede che la soglia di contaminazione accidentale da OGM sia dello 0,9%  per l’agricoltura convenzionale.

Chiediamo che tale soglia venga invece fissata ad un massimo dello 0,1% per i prodotti biologici, in modo da garantire al consumatore la sostanziale non presenza di organismi transgenici.

Mi rivolgo ai cittadini italiani ed europei perché chiedano in massa la revisione del regolamento comunitario su questo essenziale punto.

Mi rivolgo ai politici e ai partiti affinché dimostrino concretamente su questo punto il rispetto della vita e della salute dell’umanità e chiedano la revisione del regolamento.

Per finire invito i cittadini a votare alle prossime elezioni europee solo i partiti che si schiereranno apertamente in difesa dell’agricoltura biologica a livello italiano, europeo e globale.