Nella “Giornata dell’handicappato mentale”l’aggressione a Berlusconi ha insegnato qualcosa

0
977


Il 20 dicembre 1971 l’ONU approvava la Dichiarazione “Tutela per i diritti dell’handicappato mentale” dove si afferma che “l’handicappato mentale deve godere in tutta la misura possibile degli stessi diritti degli altri esseri umani” 

, argomento di pressante attualità perché, malgrado i ripetuti episodi dove sono protagonisti persone con difficoltà mentali, il Legislatore non provvede a riempire quel vuoto legislativo atteso da ben 31 anni.

Un ambito socio-sanitario prioritario perché prendersi cura delle persone che soffrono un disagio psichico è un segno civile e di rispetto dei diritti fondamentali dell’uomo.

Il volto devastato del Presidente Berlusconi ad opera di un folle ( visto che si è trattato di persona ,come pare, non appartenente ad alcuna forza politica) ci da modo ancora una volta di provare sgomento e paura.

Quel viso insanguinato non ce lo dimenticheremo mai più e ci soffermiamo a meditare su  quel detto latino che recita : hodie mihi cras tibi, oggi è toccato a me, domani potrebbe toccare a te.

Il fatto è  stato quanto mai sconvolgente perché è toccato ad una Alta carica dello Stato, ma quante piccole e povere vittime innocenti sono cadute sotto i colpi micidiali di un folle?

Non sarà il ricovero di sette giorni o una manciata di pillole a risolvere la problematica, ci vorrà ben altro!

Almeno da questo recente efferato episodio si cercherà di porre rimedio con una legge-quadro tante volte auspicata dalle nostre Petizioni giacenti in Parlamento ?

Certamente è una tematica che non si potrà risolvere né subito nè in toto, ma si ridimensionerà sicuramente visto che adesso ha sconfinato oltre i “binari” e ne vediamo quasi tutti i giorni le nefaste conseguenze.

La “Giornata” dedicata alla tutela dei diritti ci auguriamo sia di monito che di sprone.

Previte

http://digilander.libero.it/cristianiperservire