Secondo Round per i candidati premier e si parla anche del Papa e pedofilia

0
928

BRISTOL Secondo appuntamento sul ring televisivo, prima Manecester, ora e’ toccato a Bristol. Nick Clegg ( il liberale) David Cameron ( il conservatore) , Gordon Brown ( il laburista) , ancora una volta a convingere i sudditi di sua maesta per le elezioni politiche del 6 Maggio.

 Ancora una volta il vincitore e’ Clegg, convince e affonda : «Non dovevamo invadere l’Iraq» inizia con la politica estera, per poi parlare dell’ Europa e dell’importanza che hastare tutti uniti in una Europa piu’ forte. Per Cameron la Gran Bretagna deve restare nella Ue, ma con i conservatori non entrerà nell’euro .

Brown si accoda sulla linea che la Gran Bretagna deve stare in Europa ma da leader. Poi i tre parlano di immigrazione e si trovano decisamente tutti con pareri contrari, Cameron affermando la necessità di introdurre un limite massimo al numero di immigrati, sia extracomunitari, che dai nuovi Paesi Ue. Per Clegg pare giusto l’introduzzione di una «amnistia» per i clandestini. Brow si e’ visto contrario sottolineando che il sistema attuale e’ quello migliore.Poi si arrvia a parlare del Papa e dei temi scottati di pedofilia che hanno avvolto e scomvolto la chiesa.

Tutti d’accordo sul far venire il Papa a Londra a Settembre, ma sul tema pedofilia molti disaccordi. Cameron ha ammesso di non condividere le opinioni del Pontefice su molte questioni, dalla contraccezione, all’aborto alla ricerca scientifica, ma ha affermato: «La fede dovrebbe essere benvenuta e rispettata».Brown invece ha sottolineato i passi avanti fatti per i diritti degli omosessuali e le unioni gay e non si trova d’accordo con il Papa che dovrebbe fare chiarezza.Al termine una stretta di mano ha concluso la serata che ha ancora visto milioni di inglesi al televisore, ancora tutto da giocare e come le migliori partite tutto si giochera nei minui finaliIl prossimo ultimo incontro Giovedi’ prossimo e poi la parola a agli elettori.