Vacanze Romane [Institutional Gossip]

0
970

Auguri, buone vacanze e c’eravamo tanto amati. Diciamolo adesso, perché gli spettri della crisi sono agguati consueti, e la politica ne regala di nuovi ogni volta che sente odor di poltrona. Specie se in disputa, in pericolo, o sfilata dal fondoschiena con un gesto più comico che onorevole: voltagabbana da sit-com, e il popolo guarda. Salviamo le apparenze? Già, ma per la Repubblica di Bananas non basta; serve sempre lo scandalo, è fisiologico. E allora, per formalizzare l’uscita di trentatre deputati e dieci senatori dal Governo, l’entourage del Cavaliere gira al condottiero degli esuli ogni responsabilità sul divorzio tra l’ex leader di Alleanza Nazionale e lo stato maggiore del PdL. Che, di fatto, ha i numeri della maggioranza in emergenza, e cerca il centodiciotto dei mass media. Loro si tuffano a pesce su scandali e dossier al veleno, specie se pilotati dai giornali di famiglia.

Tant’è, Gianfranco Fini diventa il fulcro attorno al quale ruota un torbido “giro”, e da cui il Presidente della Camera pare quantomeno ai margini, se non estraneo. Un appartamento monegasco, il cognato affittuario di casa, e una confezione-regalo di misteri sulla compravendita dell’immobile e la sua gestione. Non ci sembra abbastanza. La solidarietà di Pd e IdV è sincera, ma di un’ovvietà così strumentale da risultare imbarazzante. Certo, scoprire che una donazione fatta al Partito è stata sfilata allo stesso per interessi privati è inammissibile, però la gazzarra scatenata sulla vicenda è altrettanto paradossale. Insomma, il fratello di Elisabetta Tulliani avrà qualcosa da chiarire all’illustre parente, ma se i panni sporchi si lavano in famiglia, per certi signori gli italiani continuano ad essere un esercito di lavandaie.