ADDIO LUCIO DALLA

0
1023

 Quando muore una persona fa sempre dispiacere. Ci sono morti però, che lasciano senza parole, improvvise, secche come un colpo di ascia che spezza una vita. Cosi è morto Lucio Dalla, nella sua stanza di albergo in Svizzera dopo aver fatto colazione. Un fulmine inaspettato che lascia tutti attoniti, increduli e spiazzati.

Lo avevamo visto per l’ultima volta a Sanremo a dirigere il giovane cantante Pierdavide Carone, lui, veterano della canzone, della bella canzone italiana, autore di bellissime canzoni che rimmarrano nella storia e nel cuore di tutti, non si trovava davanti ad un microfono ma bensì dietro la telecamera lasciando il palco ai giovani .

Chi non ha mai cantato o canticchiato almeno una volta una canzone di Lucio Dalla? Tutti lo hanno fatto e il motivo è semplice, perchè la musica di Lucio era ed è stata fatta per la gente scritta direttamente dal cuore per arrivare al cuore della gente. “Quell’uomo che veniva dal mare … parlava un’altra lingua però sapeva amare..” , si può descrivere così la figura di Dalla con una delle più belle canzoni, 4 Marzo 1943, data proprio della sua nascita.

Proprio così , Dalla parlava un’altra lingua quella del cuore. La canzone popolare scolpita dal genio e dalla passione di un’artista semplice e diretto arrivava oltre le orecchie entrava dentro a stimolare le corde invisibili dell’anima.

Quelle parole spesso brontolate più che cantate davanti ad un microfono erano la caratteristica peculiare di Dalla, una “caricatura” imitata da molti, segno indelebile di un carattere estroverso ma anche introverso. Se ne va così uno dei grandi della musica italiana ma anche internazionale visto gli innumerevoli concerti tenuti in tutto il mondo e con stars internazionali.

Dalla apparteneva a quella generazione di cantanti ormai scomparsa, che cantava non per diventare famoso ma per la voglia di gridare qualcosa al mondo per porterlo cambiare e amarlo di più. Il cordoglio di tutto il mondo musicale si è fatto vivo su internet, la notizia è rimbalzata da Twitter a Facebook , tutti hanno lasciato una testimonianza al grande genio della musica italiana.

Ed ora tutti sperano che lassù in alto ci sia – “ una casetta piccola così con tante finistrelle colorate….” dalle quali Lucio Dalla possa vedere il mondo e sono in molti a sperare che si metta a suonare le stelle e a continuare a fare ciò che di meglio sapeva fare, cioè cantare e fare musica con tutti gli altri.

Si parlerà molto di questa morte come si è fatto per Michael Jackson, Whitney Houston e tanti altri, perchè sono quelle icone, miti già da vivi, che non pensi mai che possano morire, ma questo la Signora Morte non lo sa.

LEAVE A REPLY