10 Luglio Assume l’incaro il nuovo Direttore dell’Istituto Italiano di Londra Marco Delogu

0
1609
Marco Delogu l’Italia sta attraversando un “momento d’oro” per la cultura

Londra -Il 10 luglio Marco Delogu, assume ufficialmente come nuovo direttore dell’Istituto Italiano di Londra. Delogu, primo fotografo a dirigere un Istituto italiano di cultura nel mondo, ha dichiarato in più occasioni il suo desiderio di voler includere formule innovative di promozione della “cultura classica e contemporanea italiana” a Londra tra le linee prioritarie di attività.

“Londra svolgerà un ruolo fondamentale per il nuovo corso: contiene oltre 130 nazionalità diverse, che l’Istituto vorrà contaminare positivamente con la cultura italiana” ha dichiarato Delogu. Il nuovo Direttore lavorerà con ogni sfumatura culturale, con scrittori, artisti, studiosi, registi, musicisti e altre persone del mondo della cultura, dando voce anche alle voci meno note dell’Italia contemporanea.

La fotografia italiana avrà ovviamente una posizione di rilievo: verrà promossa in Inghilterra e Galles (aree di competenza dell’IIC) attraverso un rinnovato dialogo con le grandi istituzioni museali e accademiche. Delogu intende portare “l’istituto fuori dalle mura dell’istituto” ampliando il già ricco calendario di eventi “in house” dell’IIC con nuove collaborazioni che presentino in modo innovativo la cultura italiana a platee più ampie e diversificate.

Nel mondo della fotografia Delogu ha lavorato insieme ad esponenti della cultura britannica in importanti progetti: Don McCullin, Martin Parr, David Spero, Gerry Badger, lo scrittore Geoff Dyer, lo storico David Forgacs, Simon Roberts, Leonie Hampton, David Chandler, Paul Graham, e molti altri. Ha ideato “Fotografia – Festival Internazionale di Roma”, di cui è direttore artistico, oltre a dirigere Capalbio Fotografia e la casa editrice “Punctum”.


 

Altri articoli

Marco Delogu l’Italia sta attraversando un “momento d’oro” per la cultura

London- Marco Delogu, Dirigente dell’Istituto Italiano di cultura a Londra ha risposto ad alcune dom… READ MORE