Intervista a Clara Caleo Green direttrice di CinemaitaliaUk per il primo anniversario del cirnema italiano a Londra

0
1157

CinemaitaliaUK è un progetto culturale che promuove nuovi film italiani non ancora distribuiti in Gran Bretagna. Può diventare una vetrina per giovani registi italiani, nonché un punto d’incontro per cinefili italiani e non. In occasione del loro primo anniversario, abbiamo incontrato il direttore artistico Clara Caleo Green.

A: Ogni mese Cinema Italia UK ha lo scopo di mostrare film italiani contemporanei e non ancora distribuiti nel Regno Unito. È un progetto unico, da dove nasce quest’idea?

Q:L’idea nasce a metà degli anni ’90 allorché collaboravo con l’Italian Film Festival UK e vedevo che i francesi avevano aperto il loro cinema e a noi italiani mancava tale centro d’incontro! Mi sarebbe piaciuto che anche noi potessimo avere il nostro cinema per poter proiettare film durante l’anno, quei film che non riuscivano ad avere una distribuzione. Oggigiorno si possono “scaricare film” e si va anche su una piattaforma e questo potrebbe essere sufficiente, ma l’esperienza dello schermo e la condivisione di tale evento è incomparabile.

A: CinemaitaliaUK può diventare una vetrina internazionale per giovani registi italiani?

Q:Me lo auguro e spero che si possa aumentare il numero delle proiezioni per accontentare un numero maggiore di registi meno noti. Questo però dipende da quanto supporto finanziario possiamo ottenere poiché le spese vive non sono nemmeno coperte dalla vendita dei biglietti!

A. Inoltre può far capire come si “muove” il nostro cinema e l’importanza che riveste per noi questo mezzo di comunicazione. È d’accordo con me in questo? Il nostro cinema viene vissuto da noi italiani, ma anche dagli stranieri cinefili ed italofili – e Londra ne ha numeri incredibili!

– Cosa intendi per “come si muove”? Se intendi la visibilità sullo schermo, allora Cinema Italia UK li aiuta e siamo sulla strada giusta: alcuni distributori che non hanno visto che ‘film grossi’ hanno ora l’occasione di vedere film meno grossi, ma promettenti. Inoltre Cinema Italia UK sta collaborando con una piattaforma inglese sulla quale si possono vedere i film che noi proiettiamo, purché i produttori/distributori italiani siano d’accordo.

A. Quest’anno sarà l’anniversario di CinemaitaliaUK. Cosa è cambiato nel corso dei vostri primi 12 mesi di attività?

Q:In questi 12 mesi abbiamo visto un pubblico sempre maggiore venire alle nostre proiezioni ed è un pubblico diverso di quello che va ai festival: con noi gli spettatori si fermano dopo il film ed il Q&A a fare due chiacchiere, gustando un bicchiere ed un assaggino offerti da sponsor in kind. Quindi scambio di idee, comunicazione, ecc…

A. Il cinema italiano ha vissuto anni d’oro in passato. Il periodo neo-realista è stato, a mio modo di vedere, forse il picco della nostra cinematografia. Come vede oggi il cinema made in Italy?È davvero così lontano da quegli anni?

Q:Il cinema contemporaneo è lontano da quel periodo d’oro poiché i problemi immediati sono differenti, ma non sono differenti le tematiche della vita che sono ora viste in modo meno drammatico e più disincantato.

A Quali sono i vostri progetti futuri come CinemaitaliaUK?

Crescere, crescere, crescere e viaggiare per l’UK!

LEAVE A REPLY