Intervista Max Gazze`: Maximilian Tour Live 2016

0
5866

“Non vedo L’ora”. Queste sono le parole che il cantautore Max Gazze` dice ai microfoni di LondonONEradio. Il suo Tour Europeo lo vedra` a Londra, all’Heaven, il 10 Maggio per promuovere il nuovo album Maximilian.

“Il nome Maximilian e` nato come Alterego. Maximilian doveva essere l’autore di questo album sperimentale.”

Ritmo e acuta ironia con una “spolverata” di introspezione, queste sono le caratteristiche del disco.
“Mi piace far passare dei messaggi attraverso le canzoni, e l’ironia puo` essere uno strumento per rendere fruibile un messaggio.”
Gazze` osserva le esperienze di vita e le mette in musica, lavorando ai testi con il fratello che lui definisce “alchimista della parola” ribadendo ripetutamente l’importanza del suono delle parole unite alla melodia e all’arrangiamento.

Il tour Europeo precede quello che poi sara` il tour Mondiale con tappe in Canada, Giappone, Cina e America.

Sostanzialmente non ti fermi mai. Il 5 a Madrid, il 7 a Barcellona, il 9 a Parigi, il 10 a Londra, l’11 a Dublino, il 13 a Bruxelles? Quando ti riposi?

Guarda la cosa fondamentale e importante e` fare tutto questo con lo stesso entusiasmo di quando avevo 20 anni, insomma adesso sono passati 20 anni dall’uscita del mio primo disco. Adesso suono davanti a un pubblico principalmente di italiani, pero` succede di avere anche tanta gente autoctona che viene a curiosare e a vedere chi e` questo cantante italiano che viene qui a casa nostra. Ed e` bello perche` c’e` una curiosita` ed e` emozionante esibirsi di fronte a un pubblico che non ti conosce che non ti ha mai visto dal vivo, un po’ come quando ero agli esordi 20 anni fa quando mi esibivo di fronte a gente che non mi conosceva e piano piano ha cominciato a conoscermi. Fa piacere proprio questo tour europeo, perche` lo faccio con lo stesso entusiasmo e gioia e volonta` e impegno di quando ho cominciato, di quando ero agli esordi.

Non e` sempre facile la vita del cantautore, nello specifico quelli italiani, e quindi quando arriva un successo a un’eta` in cui si hanno 20 anni di carriera probabilmente ha un sapore diverso. Questo album, “Maximilian”, e` un grandissimo successo, con il singolo “ la vita com’e`” dal sapore balcanico che ha 20 milioni di visualizzazioni.

Per l’italia questi sono numeri molto grandi, 20 milioni di visualizzazioni sono tante.
Dato che siamo in terra anglofona vorrei sottolineare Il fatto che io sono cresciuto, che ho suonato parecchi anni con una band inglese che si chiamava 4 play 4, ai miei esordi, prima di tornare in italia, e quindi l’influenza della musica anglofona e` stata molto importante e il brano La Vita Com’e` paradossalmente, gli si attribuisce una collocazione balcanica, pero` alla fine l’influenza, l’architettura di questo brano e` stata ispirata piu` da un mondo della musica ska inglese degli anni 80, quindi questo riff, questo andamento ricorda la musica balcanica perche` probabilmente in Italia quel mondo Ska non ha attecchito piu` di tanto. Pero` per me, che sono cresciuto e ho iniziato a suonare ascoltando quella musica, e` piu` riconducibile al mondo dei Madness, piuttosto che al mondo balcanico.

Quindi il 10 maggio e` come se tornassi un po’ a casa in territorio inglese, ritorni un po’ anche agli esordi?

Guarda si, io sono cresciuto appunto a Bruxelles, ma poi alla fine ho frequentato per tanti anni, e tutt’oggi ho tanti amici, in Inghilterra, perche` non ho mai perso I contatti e comunque la mia cultura musicale, la mia formazione e` avvenuta li`. Quindi l’influenza inglese e` molto forte.

Il brano Teresa, da che cosa e` stato ispirato?

Chiaramente c’e` molta ironia in quella canzone. La coppia che convive e proprio la convivenza mette a dura prova la coppia stessa e alla fine lui un po’ esasperato da questa convivenza dice “ma sa che ti dico?! Torno a vivere con I miei, non c’e` nessuno che cucina come I miei. Dopo cena faccio I cazzi miei.” E` chiaro che c’e` molta ironia in tutto questo.
Per mantenere un rapporto duraturo credo che bisogna alternare convivenza con momenti di separazione, per il bene del rapporto.

La canzone Mille volte ancora ha un testo bellissimo. In una frase racchiudi un universo in cui ognuno di noi si specchia.

Quella e` una canzone ha un’espressione molto diretta, molto semplice, molto immediata. E` una canzone scritta pensando a un rapporto tra padre e figlio. Il fatto che il figlio possa percepire la presenza del proprio padre in tutti I momenti, anche in quelli piu` difficili della vita, dell’adolescenza, della crescita. Quindi un padre sara` sempre un figlio anche quando sara` grande.

LEAVE A REPLY