William, “il Principe fa la Storia”: il primo reale a posare per un magazine gay

0
1470

Di Valentina Celi

Londra – Sugli stands delle edicole britanniche da mercoledì 22 Giugno campeggerà l’inconfondibile sorriso del Principe William. Una notizia che non desterebbe alcuno stupore, se non fosse che la copertina in questione appartiene al noto magazine gay Attitude.

Il 12 Giugno, infatti il Principe ha invitato nella sua residenza a Kensington Palace lo staff del magazine LGBT ed alcuni membri della comunità LGBT, per ascoltarne le dolorose esperienze legate ad episodi di omofobia, e discutendo con loro le inevitabili implicazioni psicologiche.
Dopo l’incontro, William ha dichiarato: “Nessuno dovrebbe subire persecuzioni per via della propria sessualità o per nessuna altra ragione, e nessuno dovrebbe aver a che fare con questo tipo di odio, cosa che questi giovani hanno dovuto sopportare per tutta la vita.

I giovani gay, lesbiche e transgender che ho incontrato grazie ad Attitude sono veramente coraggiosi a farsi avanti e dare speranza alle persone che ancora stanno affrontando queste vessazioni. La loro forza e il loro ottimismo dovrebbero incoraggiare tutti noi ad ergerci contro la violenza quando la incontriamo. Ciò che vorrei tramettere ai giovani che stanno leggendo e che subiscono persecuzioni per la loro sessualità è: non accettate la situazione – parlatene con un adulto fidato, un amico, un insegnante, Childline, Diana Award, o con qualsiasi altro servizio pubblico – e lasciatevi aiutare. Dovreste essere orgogliosi delle persone che siete e non avete assolutamente nulla di cui vergognarvi.”

Anche il capo editore di Attitude, Matthew Todd ha espresso la sua preoccupazione per la situazione attuale, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza dei giovani LGBT nelle scuole, elogiando William per la sua chiara presa di posizione contro l’omofobia.
La notizia di questa ulteriore apertura al mondo LGBT da parte della Monarchia britannica giunge proprio nei giorni successivi la terribile tragedia di Orlando, Florida, che ha visto la morte di 49 persone e dozzine di feriti in seguito all’attacco omofobico di Omar Mateen.
Un evento che ha scosso le coscienze sia al di là che al di qua dell’Atlantico, e che ha fatto sì che anche il Principe William e la sua consorte si recassero a porgere le loro condoglianze di persona all’Ambasciata statunitense a Londra, esprimendo così la loro vicinanza alle famiglie delle vittime della sparatoria.