La Brexit inizia a raccogliere i primi “frutti”: l’attore Colin Firth chiede la cittadinanza italiana

0
9612

 

Londra – (di Elisabetta Fiaschi) – Il 56 enne attore britannico Colin Firth ha richiesto di diventare cittadino italiano in seguito all’uscita della Gran Bretagna dall’UE. A rivelarlo è Sebastian Shakespeare del Daily Mail che riporta le parole del portavoce dell’attore << Colin era inorridito dalla Brexit e terrorizzato dalle sue conseguenze>>.

Il premio Oscar per “Il discorso del Re” e ancor prima noto per i ruoli in ”Orgoglio e pregiudizio” e la trilogia di Bridget Jones, è considerato il perfetto modello di Englishman. Nonostante questo, Firth ha sempre ammesso di sentirsi molto più legato agli Stati Uniti, Paese natale della madre e in cui ha passato un anno di Liceo.

Ma sono gli affari di cuore a spingere la particolare richiesta : da vent’anni, infatti, l’attore è sposato con la produttrice romana Livia Giuggioli dalla quale ha avuto due figli: Luca di 16 anni e Matteo di 13. Il britannico parla fluentemente la nostra lingua e si divide tra la casa di Chiswick a Londra e quella di Città della Pieve, in Umbria. Ed è proprio per avere lo stesso passaporto della sua famiglia che l’uomo ha richiesto la doppia cittadinanza, concessa da entrambi gli Stati.

Il portavoce di Firth rifiuta di confermare al tabloid inglese che il vero motivo della richiesta sia proprio la Brexit ma le passate dichiarazioni dell’artista non fanno che confermare questa tesi. Lo scorso autunno, ospite dell’Università La Sapienza di Roma, Firth aveva definito l’esito del referendum del 23 giugno come << un disastro di proporzioni inaspettate senza alcun aspetto positivo >>. In un’intervista ad un giornale austriaco, invece, ribadiva l’incredulità verso un risultato del genere e la posizione di altri colleghi quali Emma Thomson, come lui ”europei entusiasti”.

Certo è che il Bel Paese avrà presto un nuovo prestigioso cittadino.

 

LEAVE A REPLY