Diffusi i nomi di due dei tre aggressori. Nella sera folla per ricordare le vittime.

0
3006

di Rosita Pirulli

Diffusi i nomi di due dei tre aggressori: Khuram Butt, 27 anni, e Rachid Redouane,30. Corbyn invoca le sue dimissioni. E Trump attacca ancora il sindaco Khan. Un sindaco impegnato stasera con moltissime persone per ricordare le vittime davanti al comune generale di Londra. Una folla commossa si e’ riunita in segno di pace e speranza : “Londra e’ una citta’ aperta e cosi rimane” queste le parole del sindaco.

12 arresti avvenuti ieri mattina comprendono 7 donne e 5 uomini, alcuni di loro ritrovati presso lo stesso indirizzo dove uno degli attentatori viveva, e il cui nome non è stato ancora rivelato.

Alcune foto scattate dal foto-documentrista italiano, Gabriele Sciotto, sono stati utili per il riconoscimento di uno dei terroristi da parte di alcuni suoi vicini di casa. ‘Giocava solitamente al parco con i suoi figli’, ha testimoniato Jamal Bafadhal, 63 anni, che subito dopo ha aggiunto: ‘Sembrava un bravo ragazzo. Ma era da noi poco considerato’.

L’attentato,  presso l’area di London Bridge e Borough Market è durato circa otto minuti, quando un furgone bianco ha iniziato ad accellelare sul famoso ponte londinese, invadendo la zona pedonale, uccidendo e ferendo molte persone. Il veicolo è stato poi subito abbandonato dai responsabili, creando così il terrore in strada e in luoghi pubblici, come ristoranti e pub.

Iniziano le polemiche:  Uno dei killer era stato ripreso in documentario tv, mentre pregava in un parco di Londra sotto la bandiera dell’Isis, era da tempo segnalato alla polizia.

Theresa May torna a parlare: «Il mondo libero è sotto attacco», ma questo non basta a placare gli animi,  e Corbyn infatti  invoca le sue dimissioni prima delle elezioni.

Intanto e’ sospesa la campagna elettorale del Partito dei Conservatori e dei Laburisti, ad eccezione del Partito UKIP. La sospensione, così come ha affermato anche Theresa May domenica mattina a Downing Street, non prevede nessuna posticipazione delle elezioni; la decisione è stata un gesto di rispetto nei confrotni di coloro che il 3 giugno hanno perso i loro cari o la loro stessa vita. Il Primo ministro inglese, dopo la convocazione del meeting d’emergenza COBRA, ha tenuto un discorso domenica mattina, in cui ha espresso il suo sdegno e la sua volontà di combattere questa ideologia estremista che nel giro di pochi mesi ha devastato le famiglie della comunità inglese.

Tra i 7 morti, ci sono un francese e una ragazza canadese, Christine Archibald, la cui famiglia ha riportato un commento su Twitter ricordando la sua personalità forte, ma soprattutto ricordandola come una ragazza che credeva fortemente nel rispetto e nel valore di ciascun essere umano.

La mamma del ferito 23enne Daniel O’Neill, ricoverato presso il King’s College Hospital, ha invece riferito di essere davvero scioccata, descrivendo queste perosone barbare e come codardi. Nonostante il grande e profondo taglio lungo la schiena che suo figlio ha ricevuto, Elizabeth O’Neill ha aggiunto: ‘Conituneremo ad andare avanti normalmente’, cercando di ignorare tutto ciò che ha devastato il centro di Londra.

Tra i feriti sotto terapia intensiva, anche Geoff Ho, giornalista del Sunday Express, che è stato profondamente accoltellato alla gola.

Maggiori investigazioni e forme di sicurezza  devono essere intensificate, per ridurre  il famoso disegno antiterroristico Tpim (Terrorismo, Prevenzione, Misure d’investigazione).

Certo e’ che  la riduzione di circa 20,000 membri di sicurezza, da parte della May appaiono sconcertanti  agli occhi di Jeremyn Corbyn, che ha assicurato al popolo inglese un rafforzamento di difesa in un periodo che vede Londra e il Regno Unito sotto attacco, ma ovviamente la controparte parla gia’ di mossa elettorale.

Dagli Stati Uniti, Donald Trump critica  le parole di Sadiq Khan, sindaco di Londra, che ha rilasciato in un’intervista ‘Non c’è ragione di essere allarmati’. Un portavoce di Khan ha risposto ritenendo Trump: ” ci sono cose più importanti di cui il sindaco deve occuparsi anzichè dare risposta ad una simile provocazione”.

Tuttavia, Trump si è mostrato al contempo vicino al dolore del Regno Unito e resosi disponibile per qualsiasi urgenza gli inglesi dovessero richiedere. Per di più, secondo l’ultimo report pubblicato da ABC News, Trump starebbe organizzando piani per venire in Inghilterra questa settimana, per dimostrare maggiormente il suo supporto nei confronti della  nazione.

Intanto,  proprio ieri a Manchester il concerto di Ariana Grande, One Love, organizzato per le 22 vittime e 116 feriti del recente attacco terroristico , ha riscosso molto successo, vedendo la partecipazione di 60,000 persone, un ottimo segnale di amore di vita, dato a chi vuole solo uccidere.

Ariana Grande, ed artisti quali Clodplay, Robbie Williams, Katy Perry, Miley Cyrus, Take That, Justin Bieber, Little Mix, Lliam Gallagher, hanno espresso la loro commozione sul palco, soprattutto durante l’esibizione del  brano ‘One last time’ e nell’esecuzione di ‘Over the rainbow’, emozionando i fans presenti, tra i quali anche i feriti di quella notte al Manchester Arena.

La stessa Fanley, si era fatta tatuare il simbolo di Manchester, un’ape operaia, pochi giorni dopo dell’attentato, così come molti altri hanno fatto in tutto il Regno Unito per ricordare le vittime. I ricavati forniti dalle 50,00 sterline richieste per il tatoo, sono state raccolte e consegnate a ‘We Love Manchester’, una campagna fondata recentemente  per sostenere le famiglie colpite dall’attacco.

In totale sono stati raccolti 7.2 milioni di sterline dal concerto sono state donate in totale trasparenza a ‘We Love Manchester Emerhgency Fund’ organizzato dal comune di Manchester in collaborazione con la Croce Rossa inglese.

Questa mattina, alle ore 5.00, la metropolitana di London Bridge è stata riaperta, dove la vita continua a fluire ed andare avanti, cercando di risollevare gli animi di una grande nazione come quelle del Regno Unito, ora un po’ piu’ stanco delle volte scorse.

LEAVE A REPLY