Theresa May : ” il risultato elettorare tutta colpa mia” e poi un manifestante protesta

0
1950

Londra ( Emilia marchigiani) Theresa May è oggi salita sul palco della conferenza dei Tory di Manchester. Il discorso della premier è passato dai trend sui negoziati al benessere e al buon futuro dei cittadini, affermando anche che i cittadini europei sono sempre i benvenuti nel paese, e queste parole sono state accolte dalla stampa come – la solita minestra riscaldata che nasconde un crollo pazzesco della nazione –

Una May decisa con la Brexit ma che ammette le sue colpe : ” il risultato elettorare tutta colpa mia”.  Perde la voce poi la ritrova e conclude il suo speech non cosi eclatante come ci si aspettava.

La premier, non è stata l’unica a presenziare al congresso è stata preceduta ieri dal ministro degli Esteri Boris Johnson, il quale non ha mancato di fare battute su Corbyn e i suoi sostenitori.

Boris ha invitato tutti i cittadini a credere nell’unico partito del futuro (conservatori) e nei suoi valori, ha aderito al programma della May che porterà il Regno Unito ad un grande accordo sulla Brexit, con un calo delle tasse ed infine l’elogio alla grandezza della “Global Britain”. Non ha infine rinunciato neanche ad una piccola gaffe sulla Libia, dichiarando la città una possibile meta turistica se “ripulita” dai cadaveri.

Theresa May, durante il suo speech di oggi ha dichiarato di essere fiduciosa sull’accordo tra Gran Bretagna e Ue, dubbiosa invece, sui “frustranti” negoziati della Brexit, rilevando comunque che il governo si sta preparando ad “ogni evenienza”, incluso il fallimento degli stessi. Il discorso è stato poi brevemente interrotto dalla protesta di un uomo, apparentemente con qualche problema di disabilità, che è riuscito a consegnare un foglio alla premier, ottenendo da parte sua totale indifferenza. L’uomo è stato portato fuori dalla sala dalla sicurezza e fra i mormorii di disapprovazione della platea. La premier, dopo un paio di minuti di silenzio, ha poi ripreso il suo discorso.

Ecco il video del discorso