Londra – Tra le cento migliori aziende invitate alla Camera dei Lords per ricevere uno speciale riconoscimento in vista di Small Business Saturday vi era anche Hay Hampers, di proprietà dei coniugi italiani Gabriele Da Re ed Elisabeth Och.
Hay Hampers, che produce e vende online in tutto il mondo ceste regalo di lusso, è stata infatti selezionata come una delle cento migliori aziende britanniche di piccole dimensioni all'interno del progetto nazionale SmallBiz100.
SmallBiz100 è una campagna annuale che mira a celebrare le aziende britanniche di piccole dimensioni particolamente innovative, nonché a sensibilizzare la nazione a supportare i piccoli produttori.

La campagna culmina con Small Business Saturday, una giornata dedicata all’acquisto locale, che ha avuto le sue origini negli Stati Uniti nel 2010 ed è supportata da American Express. Quest’anno Small Business Saturday si terrà
sabato 1 dicembre.


Ad ospitare l’evento presso la Camera dei Lord è stato Lord Young of Graffham, ex Segretario di Stato per il Commercio e l’Industria nonché Consigliere Governativo per l’imprenditoria e la Piccola Industria, che nel corso delle celebrazioni ha detto: “Small Business Saturday è una campagna fondamentale per mettere in luce il ruolo
decisivo delle piccole aziende nell’ecomina britannica. Le piccole aziende sono la spina dorsale della nostra economia e contribuiscono a creare sviluppo in tutte le aree del Paese”.
Anche il Segretario di Stato per l’Impresa, l’Energia e la Strategia Indistriale, On. Greg Clark è intervenuto: “All’inizio del 2018, le piccole aziende contavano il 99.3% del settore privato. Il tasso di occupazione nelle SME era di 16.3 milioni, ovvero il 60% di tutto il settore privato in Gran Bretagna. Il fatturato complessivo delle SME era £2.0 milioni, 52% del fatturato nel settore privato.”
A rappresentare Hay Hampers vi era Elisabeth Och, che ha commentato: “Siamo felici ed onorati di aver presenziato a questa celebrazione alla Camera dei Lords, ma ancora di più di essere stati scelti come una delle cento migliori piccole aziende di questo Paese e di poter così tenere alta la bandiere dell’Italia”.

LEAVE A REPLY