Londra ( Stefania Laudadio) E’ ancora una mistero. Erik Sanfilippo 23 anni trovato morto in un cassonetto della spazzatura a Londra nella zona di Islington dove abitava in Tollington Road, quartiere del Nord di Londra, vicino al parcheggio di un supermercato della catena Waitrose, nel pomeriggio di sabato, in seguito a una segnalazione.

Domenica un uomo di 52 anni è stato arrestato con il sospetto di omicidio e rilasciato su cauzione in attesa di un’udienza di metà giugno.

In una nota dell’Ambasciata Italiana a Londra fanno capire bene poco, perche’ bene poco ancora si sa sul fatto, solo che :”Il Consolato Generale d’Italia dice che, insieme alle autorità britanniche e la famiglia del ragazzo sta seguendo il caso, “per ogni eventuale sviluppo dovesse emergere dagli accertamenti del caso”.

Al momento il caso viene trattato come «un decesso non spiegato»  la polizia locale infatti  dopo l’esame post-mortem condotto dopo il ritrovamento non ha dato nessun esito indicativo delle circostanze o cause del decesso. Bisognerà aspettare ulteriori esami già disposti dagli inquirenti.

Poco meno  di due mesi fa Eric Sanfilippo era tornato a casa, a Musciano, borgata alle porte di Marti, a trovare la famiglia. Doveva anche sbrigare alcune pratiche burocratiche per il rinnovo della carta di identità. Così era andato in Comune a Montopoli per poi riprendere l’areo per Londra con la promessa che sarebbe tornato in Italia nei primi giorni di maggio.

Lascito li, come spazzatura. Questa morte, sta sconvolgentonon solo gli italini a Londra ma anche gli inglesi. Erik, come tanti italiani ( e non solo ) ha londra faceva il cameriere. Le indagini stanno indagando anche sul posto di lavoro, ma per ora senza risultati.

Il ritrovamento

Tante piste, tante supposizioni, nessuna vera risposta per ora. A ritrovare il corpo è stato un uomo che cercava il cassonetto della spazzatura che si sarebbe dovuto trovare davanti a casa sua e che invece era finito in un giardino di una casa derelitta, nella zona di Tollington Road, nella parte alta di Islington.

Non avendo tracce sul corpo, e l’autopsia non ha evidenziato nulla, gli inquirenti pensano ad un malore, ma non regge questa ipotesi, perche’ il posto del ritrovamento ( dentro un cassonetto dell’immondizia) fa pensare ad altre cause, al momento misteriose.

La famiglia di Erik si trova già a Londra, dove ha effettuato il riconoscimento del corpo, dopo essere stata avvisata della notizia dai carabinieri di San Romano.

Noi con LondonONEradio seguiremo con molta attenzione il caso, e vi dare aggiornamenti da Londra .

LEAVE A REPLY