Londra – Gli studenti internazionali saranno in grado di rimanere nel Regno Unito per due anni.
Dopo la laurea, per trovare lavoro, in base a nuove proposte annunciate dal primo ministro. Boris Johnson ha affermato che i cambiamenti, che entreranno in vigore per i corsi di inizio del prossimo anno, aiuterebbero coloro che studiano in Gran Bretagna a iniziare la loro carriera nel Regno Unito.
Gli studenti internazionali che hanno completato con successo un corso in qualsiasi materia presso un istituto con un track record nel sostenere i controlli sull’immigrazione potranno beneficiare delle misure.
Si applicheranno agli studenti che iniziano i corsi nel periodo 2020-21 a livello universitario o superiore. L’annuncio coincide con il lancio del più grande progetto di genetica del mondo, il progetto di sequenziamento del genoma intero da £ 200 milioni nella biobanca britannica, che mira a trasformare la ricerca genetica.
Johnson ha dichiarato: “La Gran Bretagna ha una storia orgogliosa di mettersi al centro della collaborazione e della scoperta internazionale. Oltre 60 anni fa, abbiamo visto la scoperta del DNA a Cambridge da parte di un team di utenti internazionali e oggi stiamo andando ancora oltre.
Ora stiamo riunendo esperti da tutto il mondo per lavorare nel Regno Unito sul più grande progetto di ricerca sulla genetica del mondo, pronto ad aiutarci a curare meglio le malattie coinvolte letali e, in definitiva, a salvare vite umane.
Progressi di questo tipo non sarebbero possibili senza essere aperti ai più brillanti e ai migliori di tutto il mondo per studiare e lavorare nel Regno Unito.
Ecco perché stiamo svelando un nuovo percorso per gli studenti internazionali per sbloccare il loro potenziale e iniziare la loro carriera nel Regno Unito “.
Alp Mehmet, presidente di Migration Watch UK, ha affermato che si è trattato di un passo “poco saggio” e “retrogrado” che avrebbe “probabilmente portato i laureati stranieri a impilare gli scaffali, come è successo prima”. “Le nostre università stanno attirando un numero record di studenti stranieri, quindi non è necessario svalutare un visto di studio trasformandolo in un percorso backdoor per lavorare qui.”

LEAVE A REPLY