Aggionamenti sulle elezioni, Boris determinato e l’UE pronta a chiudere con amicizia

0
240

Londra Aggiornamenti

I conservatori britannici hanno ottenuto 365 seggi su 650 in Parlamento, secondo i risultati definitivi delle elezioni in Gran Bretagna, con una maggioranza di +80. Pesante sconfitta per il Labour che ne ha ottenuti solo 203, seppure un po’ meglio dell’exit poll. Bene gli indipendentisti scozzesi del Snp con 48 seggi (+ 13 rispetto al 2017).  Malino i LibDem: con 11 seggi ne perdono un rispetto alle elezioni precedenti. L’affluenza si e’ attesta al 67,17%, meno 1,49% rispetto al voto del 2017.

Il tempo per il negoziato sulla partnership col Regno Unito a disposizione “è una vera sfida, ci dobbiamo mettere al lavoro al più presto possibile, ma trarremo il massimo dal minimo per arrivare ad una relazione senza precedenti. Questa non è la fine di qualcosa, ma è l’inizio di eccellenti relazioni tra buoni vicini”. Così la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

Cosa dice l’Europa?

Ue: “Ora ratifica accordo e negoziato futuro”

Sulla Brexit “il Consiglio europeo ribadisce il suo impegno ad un ritiro ordinato sulla base dell’Accordo di recesso ed invita ad una ratifica puntuale, e ad una sua attuazione efficace”. E’ quanto si legge nelle conclusioni approvate dai 27 leader Ue.

Dall’Unione Europea arriva un sintetico, freddo commento :” Siamo contenti per la Gran Bretagna, ora che attui il processo per l’uscita”, sottolineando il fatto che prima la GRan Bretagna se ne va e megli e’ per tutti.

Tra poco Boris Johnson andra’ a chiedere l’incarico dalla Regina Elisabetta II. gia’ Lunedi’ inizieranno i passi decisivi per la Brexit.

Rimangono molte incognite come la questione dell’Irlanda del Nord, e la Scozioa che potrebbe, ( ma una idea per ora difficile) chiedere un secondo referendum per l’indipendenza, ma la domanda e’ gli gioverebbe?

Visa per entrare in UK 

Probabilmente una volta che la Grand Bretagna esce dall’Unione Europea, Boris come ha annunciato mettera’ una visa, un foglio di viaggio per chi vuole visitare la Gran Bretagna. Si arrivera’ in UK solo se si ha una proposta di lavoro, ma per il turismo non ci sono limiti, patto di fare domanda per un documento di circoalzione, esattamente come avviene per andare negli USA e in Australia.

Trovare un nuovo Equilibrio

Passera’ un po’ di tempo, prima che si trovi un nuovo equilibrio sia per la circolazione, sia economico e sociale. Solo il tempo potra’ dire se queste elezioni sono state per la Gran Bretagna la soluzione migliore, se la Brexit e’ veramente la soluzione migliore per questo paese che dal 2020 sara’ un paese terzo. Nuovi accordi commerciali dovranno essere fatti con USA, Cina, India, e anche con l’Europa stessa. Un Equilibrio sicuramente non facile, ma che la cura del tempo fara’ essere il migliore per continuare a vivere o a fare scambi commerciali con la Gran Bretagna.

Fuori dal dominio dell’Europa quindi, fuori dal parlamento Europeo, per consolidare una linea forte all’interno del paese Britannico.

Cosa succedera’ per gli Europei in UK?

Per i 3 milioni di Europei in uk ( tra cui noi italiani) succedera’ che, chi e’ in Uk da 5 anni deve mettersi in regola con il settled status la carta che garantisce di rimanere in uk in maniera permante, la quale poi se uno vuole puo’ prendere la cittadinza britannica, e in quel caso, giochi finiti. Chi non e’ da qui da 5 anni dovra’ mettersi in regole con le nuove norme che il governo di Boris fara’ sapere dopo la Brexit, o prima. Ora le persone che non sono in uk da 5 anni possono fare il pre_settled status fino al quinto anno, poi fare il settled status .

Per gli studenti che vogliono venire a studiare in questo paese, al momento non dovrebbero avre grossi problemi, si iscrivono all’universita’ e staranno in Uk per tutta la durata degli studi.

Per ora le uniche cose certe sono due, la vittora di Boris ( e quindi la fuori uscita dell’UK dalEU) e Lei, la Regina Elisabetta II, inossidabile sul trono, irremovibile come una certezza nelle pagine della storia della Gran Bretgna.


cosa’e successo nella notte piu’ importante per la Gran bretagna e l’EU:

 

UK Elezioni Generali: I risultati predicono Boris Johnson leader