Londra (Roberta Chiatti) – Boris Johnson presenta il nuovo piano per riportare il Regno Unito alla normalità. Durante la conferenza stampa, tenutasi questa mattina a Downing Street, ha dichiarato che tra pochi giorni si darà inizio al processo di ulteriore allentamento delle restrizioni, affinché il Paese ritorni “alla normalità” entro Natale.

Il nuovo piano consentirà a più persone di utilizzare i mezzi di trasporto pubblico, mentre dal 1 agosto i datori di lavoro avranno la libertà di decidere se far ritornare i propri dipendenti sul posto di lavoro o meno. In questo caso gli “employers” potrebbero porre fine alla fase di smartworking, ma solo nel caso in cui ritengono sia giusto farlo.

“Daremo ai datori di lavoro più discrezione e chiederemo loro di prendere decisioni su come il loro team debba lavorare in sicurezza” – dichiara Johnson.

Sempre dal 1 ° agosto la maggior parte delle strutture ricreative come piste da bowling, piste da pattinaggio e casinò potrebbero riprendere le proprie attività, cosi come eventi live al coperto. A fare eccezione sono le discoteche che per il momento resteranno chiuse.

Ulteriori cambiamenti riguardano i matrimoni che potranno essere celebrati con un massimo di 30 persone. Da settembre, invece,  scuole, asili e college saranno aperti a tutti i bambini e i giovani studenti a tempo pieno, mentre le università stanno ancora elaborando piani per garantire massima sicurezza sanitaria all’interno delle proprie aule.

Probabilmente da ottobre ci sarà la possibilità di tornare negli stadi per guardare giocare la propria squadra preferita dal vivo, ma sono ancora aperte valutazioni in merito.

Questi cambiamenti, presentati nel piano di Boris Johnson, potrebbero non valere per i Paesi quali Scozia, Galles e Irlanda del Nord perché hanno tutto il potere di stabilire i propri tempi per allentare le restrizioni.