Londra (Roberta Chiatti): Boris Johnson dichiara che nuove rigide restrizioni che saranno introdotte in Gran Bretagna, con Liverpool che chiuderà pub e ristoranti dal prossimo 14 ottobre.

Il governo ha deciso di implementare un nuovo sistema di regolamentazione a 3 livelli. Le città classificate nel primo livello, dovranno seguire le regole finora vigenti. Al secondo livello, aumenta il numero di infezioni Covid-19 e quindi le città classificate in questa sezione non potranno ospitare in casa amici e parenti. Solo al terzo livello rientreranno le aeree più colpite del Paese, “in allarme rosso”, dove anche l’NHS potrebbe ritrovarsi in difficoltà se non si agisce prontamente.

Liverpool è una di queste città, identificato come un vero e proprio focolaio e infatti dal 14 ottobre sarà costretta a chiudere le proprie attività incluse pub e ristoranti.
“So quanto sia difficile […] ma non possiamo lasciare che il SSN cada quando sono in gioco vite umane” – dichiara il Primo Ministro nella House of Commons al termine del vertice COBRA e aggiunge: “Credo che non agire sarebbe imperdonabile, quindi spero che si possano compiere rapidi progressi nei prossimi giorni.”

Il leader del Partito laburista, Keir Starmer mette in dubbio l’operato di Johnson chiedendo alla camera se le restrizioni annunciate dal primo ministro possano veramente riportare il Paese in una situazione stabile.
Finora Starmer è stato sempre scettico sulla capacità del governo di tenere sotto controllo il virus e crede che le decisioni di Boris non riescono ad anticipare l’aumento di infezioni e quindi risultano essere molto più indietro rispetto all’attuale criticità che il Paese sta subendo.