Brexit: La patente britannica non vale in EU erami da rifare, ma forse basta solo aspettare

0
2295

Londra ( Paolo Filamore) Chi ha una patente Britannica dal 1 Gennaio non e’ piu’ consentito viaggiare negli stati EU ( del continente). Questo fino a nuovi accordi.

Pero’ si salvano le persone che avevano ottenuto l’abilitazione nel Regno Unito per conversione di una precedente patente italiana.

Attenzione dobbiamo chiarire una cosa importante:

La patente UK su puo’ utilizzare come prima in UE senza nessun limite. Se la prima patente si ‘e ottenuta in Italia la conversione da UK a Italiana viene fornita come prima. Quello che stiamo scrivendo e’ solo per chi ha ottenuto la prima patente in UK, infatti il grosso dei problemi li avranno i britannici in Italia.

Prima della Brexit  in ambito extra-Ue, ci sono accordi bilaterali di reciprocità, con cui di volta in volta due Stati stabiliscono che le patenti dell’uno sono convertibili in licenze dell’altro e viceversa. Ora va rivisto tutto.

Purtroppo l’8 gennaio la Motorizzazione (circolare n. 504) ha avvertito che non è più possibile convertire le patenti del Regno Unito con semplici pratiche amministrative come fossero comunitarie (a meno che la domanda sia stata presentata prima di quest’anno). Occorre quindi rifare gli esami.

Il 29 gennaio la Motorizzazione ha emanato un’altra circolare (la 3401) in cui ricorda che è possibile ottenere la conversione senza esami se la patente britannica era stata rilasciata convertendo una precedente licenza italiana.

Pero’ c’e’ la speranza, e il governo britanno ci sta lavorando che possono trovare un accordo tra UK e Eu per le patenti in uso, almeno quelle.