Roberta Chiatti (Londra) – Il governo britannico ha delineato maggiori dettagli sulla nuova  quarantena di 10 giorni in hotel per tutti i viaggiatori provenienti dai 33 Paesi indicati nella “red list”.

La restrizione sarà introdotta in Regno Unito dal 15 febbraio e le 33 località classificate pericolose sono situate in Sud Africa, Brasile e Sud America, ovvero in Paesi dove sono presenti le varianti più resistenti al vaccino contro il Covid.

Chi sarà sottoposto a tale quarantena dovrà pagare di propria tasca il soggiorno per un totale di £ 1.750, il cui prezzo prevede 3 pasti al giorno inclusi nel prezzo. Attualmente  16 hotel sono sotto contratto per il programma con 4.600 camere assicurate.

Coloro che non riescono a mettersi in quarantena in un hotel autorizzato dal governo rischiano multe fino a 10.000 sterline e se invece mentono sui loro moduli di localizzazione possono scontare una pena di 10 anni di carcere. 

I passeggeri inoltre devono assicurarsi di prenotare una camera online in anticipo utilizzando un sistema di prenotazione in arrivo giovedì.

La quota di £ 1.750 per un individuo include l’hotel, il costo del trasporto e dei test. La tariffa aggiuntiva per un adulto in più o un bambino di età superiore a 12 anni è di £ 650 e per un bambino di età compresa tra i cinque ei 12 anni è di £ 325.

CASO SCOZZESE

In Scozia le cose cambiano. Seppur la quarantena in hotel entrerà in vigore il 15 febbraio in tutte le parti del Regno Unito, la Scozia ha deciso di estendere tale restrizione anche a tutti gli altri Paesi che non sono ritenuti dal Regno Unito “a rischio”, inclusa tutta Europa.

Inoltre, se acquisti un volo verso l’Inghilterra ma la tua destinazione finale è la Scozia, il governo scozzese ritiene che tu debba fare la quarantena in un hotel in Inghilterra e al termine della quarantena, continuare il tuo viaggio di ritorno verso la Scozia.

NEW ENTRY: I 2 TEST IN PIÙ DURANTE LA QUARANTENA 

Lo stesso 15 febbraio, in Regno Unito sarà introdotta una nuova restrizione che prevede l’aggiunta di altri due test a tutti i viaggiatori di ritorno in UK. Una volta atterrati, il governo obbliga i cittadini in auto-isolamento ad eseguire due test rispettivamento nel giorno 2 e 8 della quarantena. I test costano £ 210 ciascuno. 

Le compagnie aeree e le compagnie di viaggio saranno legalmente tenute ad assicurarsi che i viaggiatori abbiano sottoscritto le nuove misure prima della partenza, se non lo fanno saranno sanzionate. I viaggiatori che non eseguono i due test subiranno una multa di £ 1.000 per il primo e una multa di £ 2.000 per non aver superato il secondo test obbligatorio, insieme a un’estensione di 14 giorni alla quarantena.