Il Primo Ministro Boris Johnson annuncia l’obiettivo di 100 giorni per creare nuovi vaccini

0
392
epa07733493 Britain's Former Foreign Secretary Boris Johnson leaves offices in Central London, Britain, 22 July 2019. Johnson and his Conservative Leadership rival Jeremy Hunt will discover who has won the race to become Britain's next prime minister on 23 July 2019. EPA/WILL OLIVER

Il Primo Ministro Boris Johnson annuncia l’obiettivo di 100 giorni per creare nuovi vaccini

  • Il Primo Ministro chiederà ai leader mondiali di sostenere gli sforzi per accelerare lo sviluppo di nuovi vaccini, trattamenti e test durante la riunione del G7
  • Ridurre a 100 giorni il tempo necessario per sviluppare vaccini per nuove malattie salverà innumerevoli vite nelle future crisi sanitarie
  • Il Regno Unito conferma l’invio della maggior parte di ogni futura eccedenza di vaccini al programma COVAX per sostenere i paesi in via di sviluppo

Londra – Il Primo Ministro Boris Johnson, che presiede venerdì la prima riunione dei leader del G7 della presidenza britannica, ha espresso oggi [venerdì] la sua ambizione di ridurre a 100 giorni, ovvero di due terzi, i tempi necessari per lo sviluppo di nuovi vaccini.

Johnson ha chiesto a Sir Patrick Vallance di lavorare con partner internazionali, tra cui l’OMS e la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), nonché esperti dell’industria e scienziati, per consigliare il G7 sull’accelerazione del processo per lo sviluppo di vaccini, trattamenti e test per agenti patogeni comuni.

Lo sviluppo di un vaccino contro il coronavirus in circa 300 giorni è stato un risultato globale enorme e senza precedenti. Riducendo ulteriormente il tempo per sviluppare nuovi vaccini per malattie emergenti, potremmo essere in grado di prevenire le catastrofiche ripercussioni sanitarie, economiche e sociali viste in questa crisi. L’ambizione dei 100 giorni è stata proposta da CEPI all’inizio di quest’anno.

Attraverso la collaborazione internazionale per intensificare la ricerca e lo sviluppo, modernizzare le sperimentazioni mediche e creare catene di produzione e fornitura di vaccini più innovative, possiamo salvare vite umane in future crisi sanitarie e prevenire la prossima pandemia.

Il Primo Ministro britannico ha anche confermato oggi che il Regno Unito condividerà la maggior parte di eventuali futuri vaccini contro il coronavirus in eccesso dalle sue forniture con il pool di approvvigionamento COVAX, per sostenere i paesi in via di sviluppo, oltre al finanziamento di £548 milioni già stanziati dal Regno Unito per il programma. Incoraggerà inoltre i leader del G7 ad aumentare i finanziamenti per COVAX a sostegno di un accesso equo ai vaccini.

Parlando in vista della riunione di oggi, il primo ministro Boris Johnson ha dichiarato:

“Forse più che mai, le speranze del mondo poggiano sulle spalle degli scienziati che, come innumerevoli altre volte nell’ultimo anno, hanno raccolto la sfida.

“Lo sviluppo di validi vaccini contro il coronavirus offre la prospettiva allettante di un ritorno alla normalità, ma non dobbiamo adagiarci sugli allori. Come leader del G7 dobbiamo dire oggi: mai più.

“Sfruttando la nostra ingegnosità collettiva, possiamo assicurarci di avere i vaccini, i trattamenti e i test per essere pronti alla battaglia per future minacce alla salute, mentre sconfiggiamo il Covid-19 e ricostruiamo meglio insieme il nostro futuro”.

Il raggiungimento degli obiettivi del Piano in cinque punti del Primo Ministro per prevenire future pandemie – stabilito per la prima volta alle Nazioni Unite lo scorso anno – sarà un obiettivo chiave della presidenza del G7 del Regno Unito quest’anno. Il Primo Ministro inviterà anche i leader del G7 a sostenere un trattato sulla preparazione alla pandemia attraverso l’OMS.

La riunione di oggi sarà la prima ospitata dal Primo ministro nel quadro della Presidenza del G7 del Regno Unito quest’anno e la prima riunione dei leader del G7 dall’aprile 2020.

Durante l’incontro i leader dovrebbero confermare il loro sostegno alle priorità sanitarie del G7 del Regno Unito e discutere gli sforzi più ampi per affrontare le sfide globali e garantire una ripresa economica sostenibile e verde dal coronavirus, nonché una serie di questioni di politica estera.