Piano economico in UK si punta sul lavoro e un futuro prospero

L'analisi che ci spiega i passaggi fondamentali del piano economico di Sunah

0
274

Londra (Bepi Pezzulli da Milano Finanza) – L’analisi che ci spiega i passaggi fondamentali del piano economico di Sunah

A Londra è già tempo di programmazione.

Il Cancelliere dello Scacchiere ha presentato il budget 2021: è un documento in tre parti che esegue una manovra di 407 miliardi di sterline.

La prima parte accompagna l’UK fuori dalla pandemia. Rishi Sunak ha esteso sostegni, incentivi e ristori all’economia aiutato dall’Office for Budget Responsibility (OBR), il quale ha certificato che l’economia UK tornerà ai livelli pre-Covid nel Q2 2022, con 6 mesi di anticipo sulla tabella di marcia.

La seconda parte ristabilisce la normalità delle finanza pubbliche con un piano di spending review e di rientro dal debito che riassorba la politica fiscale espansiva indotta dalla pandemia.

La terza parte introduce un sistema di incentivi e disincentivi per la costruzione dell’economia futura, con il focus su creazione posti di lavoro e cambiamento della geografia economica Uk.

Rishi Sunak: There will be opportunities for those who lose jobs: Rishi Sunak, British finance minister - The Economic TimesNel budget di Sunak c’è molto Paul Romer (crescita endogena) molto Schumpeter (distruzione creativa) e qualche elemento di Richard Thaler (nudges). Nel documento c’è tutta la mano dell’investment banker che si è calato nei panni del CFO di UK Corp.

In contemporanea al budget, Lord Jonathan Hill, l’ex Commissario EU per la stabilità finanziaria, ha consegnato la proposta commissionatagli dal governo sulla riforma della piazza finanziaria.

Secondo Lord Hill, è necessario lavorare sulla normativa per la quotazione in Borsa per attrarre a Londra spac e unicorni.

Per lungo tempo, le aziende tecnologiche europee hanno preferito il Nasdaq per la quotazione in Borsa a causa delle regole europee sulla struttura di capitale.

What time is the Budget? When will Rishi Sunak make his announcement today - and how to watch | Yorkshire PostLord Hill raccomanda di consentire strutture di capitale con classi di azioni multiple per dare più controllo ai fondatori e ridurre i requisiti di flottante per evitare di diluire i fondi di venture capital.

Soprattutto, Lord Hill intende stabilire nel Miglio Quadrato l’epicentro europeo per la quotazione delle spac.

Le spac sono scatole vuote che vengono quotate in borsa per capitalizzarsi e successivamente acquisire un’altra azienda, semplificando il processo di accesso al mercato dei capitali. Recentemente, Jean Pierre Mustier ha lanciato la spac Pegasus con Bernard Arnault per comprare una qualche attività finanziaria da far crescere.

Nel 2020, le spac hanno raccolto 80 miliardi di dollari in USA e completato 244 IPO a fronte di 490 milioni di euro e 3 IPO in Europa.

Lasciare che spac americane acquisiscano unicorni europei finirebbe col cristallizzare una situazione di minore competitività strutturale, proprio il rischio che Boris Johnson intende scongiurare dopo aver riacquisito la sovranità nazionale.

Bruxelles marcia invece nella direzione opposta. La City di Londra verrebbe trattata peggio di Wall Street secondo i termini di una prima bozza dell’accordo di cooperazione nei servizi finanziari tra UK e UE. Il draft del documento, ottenuto dall’agenzia Reuters, è peggiorativo rispetto all’accordo tra USA e UE del 2016 che consente la negoziazione degli asset denominati in dollari in Europa.

Londra e Bruxelles si sono impegnate a concordare un Memorandum of Understanding entro la fine di marzo per fissare i criteri generali di un negoziato sulle regole finanziarie e la vigilanza del mercato. Il testo proposto dalla Commissione EU si limita a ribadire le esistenti regole in tema di equivalenza, mentre l’obiettivo del Regno Unito è di assicurarsi che il MoU fornisca trasparenza e un meccanismo decisionale robusto quando si tratta di adottare, sospendere e ritirare le decisioni di equivalenza.

Al momento, la direttiva MiFID attribuisce alla Commissione UE il potere di concedere l’accesso diretto al mercato per gli intermediari finanziari extracomunitari dichiarando l’equivalenza. Ma l’UE può revocare le decisioni di equivalenza con soli 30 giorni di preavviso.

Nell’accordo tra USA e UE il meccanismo è basato sull’interesse tutelato (stabilità, integrità, trasparenza, concorrenza, protezione del cliente) piuttosto che sulla similarità normativa, mentre la prima bozza di MoU è addirittura meno dettagliata degli accordi già esistenti a livello di autorità di vigilanza tra la FCA e gli omologhi europei. (Riproduzione riservata)