13 ore senza i socila piu’ importanti Mark Zuckerberg si scusa, crolla la borsa: cosa e’ successo

0
3272
italoeuropeo londononeradio italiani londra

Londra (Paolo Parenti) -13 ore di blocco social. In fermo che secondo la piattaforma Netblocks ha già causato un danno all’economia mondiale di oltre 1.129.959.864 dollari. Secondo il New York Times Facebook avrebbe mandato anche un team di tecnici nei suoi data center in California per riavviare i server a mano.

Mark Zuckerberg si scusa, ma non convince, perche’ alla fine sappiamo tutti che la vera verita’ non verra’ mai fuori.

Alcuni analisti hanno cercato di capire il problema, no un attacco hacker, ma un problema di DSN – il Domain Name System. Insomma come se l’indirizzo FB non fosse mai esistito morto. Ma anche questa spiegazione, forse la piu’ plausibile, non convice tutti.

Quello che e’ successo ci deve far riflettere

13 ore senza social, e fin dai primi istanti molte persone sono andate in panico. Il mondo e’ come se si fosse fermato. Gente che andava ogni 5 minuti a vedere se la sua pagina su Facebook era riapparsa, il servizio messanger non c’era piu’, e non si potevano fare le chiamare ( gratuite) su WhatsApp. In parte il sistema social si era fermato, e di conseguenza in parte la vita nei socila di tutti.

Blocco dei social, rovinati i festeggiamenti in rete dei nuovi sindaci

Ma come e’ possibile vivere cosi?

Facciamo una breve analisi. Ormai la nostra vita e’ la vita sui social e in rete. Vincolati tutti, a dipendere da questa “Cyber droga” social, e quando manca andiamo in astinza. Provate a non usare il cell per un girono intero o ancora peggio per una settimana. Nessuno o pochi saprebbero resistere. Questo non e’ molto rassicurante in un futuro molto incerto e un presente barcollante per tanti motivi.

Quello che pensano davvero i ragazzini dei social network - Wired

Abbiamo visto cosa succese per una pandemia, un pianeta che dovrebbe essere evoluto su certe cose ( perche’ successe nel pasato) ancora non e’ pronto a fronteggiare una pandemia. Un mondo appeso ad un cavo di rete, persone, spesso giovani che 24h su 24 stanno collegate sui social, ma con un cervello scollegato.

Non e’ la prima volta che i social si spengono, ma mai per un tempo cosi abissale, tanto da mandare in apnea molte persone dipendendi dai social. Ma come e’ possibile che l’umanita’ si sia ritrovata ad essere appesa ad un filo sottile come ad una rete di una ragno?

Come e’ possibile che la nostra vita sia condizionata dalla reta, o dal cattivo uso di questa?

I giovani non potrebbero vivere senza Fb, istagram, Tic Toc, andrebbero nel panico, vivebbrero in uno stato di disequilibrio  spicologico che li andrebbe ad annientare forse. E cosi succederebbe ai grandi, alle grandi azienda, al mondo intero, ma come e’ possibile che ci siamo ridotti ad essere preocupati se non abbiamo il nostro FB o istagram?

Non lo dico io, anche una analisi fatta dal  Wall Street Journal : Il tema era Instagram e le correlazioni tra questo social e la depressione tra gli adolescenti. I risultati erano lapidari: «Il 32% delle ragazze adolescenti ha affermato che quando si sentivano male per il proprio corpo, Instagram le faceva sentire peggio».

Ansia e depressione: gli effetti dei social sui giovani. ''Instagram è il peggiore'' - la Repubblica

Secondo Forbes, il patrimonio personale di Zuckerberg sarebe diminuito di 5,9 miliardi di dollari nelle ultime 24 ore per quel danno di ieri. E se fosse durato una settimana o un mese?

Tirare voi le vostre conclusioni.