GB: I dipendenti delle ferrovie protestano in strada e chiedono l’aumento

0
58
Credit: Reuters
Londra (Roberta Chiatti) – Più di 40 mila dipendenti delle ferrovie del Regno Unito hanno iniziato lo sciopero questo martedì, 21 giugno, lasciando un Paese in grave difficoltà.

Ad unirsi anche la metropolitana di Londra i cui servizi riprenderanno dopo le 8 am di mercoledì 22 giugno.

Non solo, gli stessi hanno deciso di radunarsi all’alba e protestare in strada causando gravi disagi sulle reti stradali. Il primo ministro Boris Johnson ha affermato che lo sciopero danneggerebbe le imprese che si stanno ancora riprendendo dal COVID.

Credit: Reuters

I sindacati hanno affermato che gli scioperi ferroviari potrebbero segnare l’inizio di una estate ricca di insoddisfazioni da parte anche di insegnanti, medici e persino avvocati che si dirigono verso un’azione sindacale mentre l’inflazione spinge al 10%

“Il lavoratore ha bisogno di un aumento di stipendio”, ha detto Mick Lynch, segretario generale dei lavoratori ferroviari, marittimi e dei trasporti. “Hanno bisogno di sicurezza del lavoro e condizioni dignitose”.

La RMT vuole che i suoi membri ricevano un aumento di stipendio di almeno il 7%, ma ha affermato che Network Rail ha offerto il 2%, con un altro 1% legato alle riforme del settore a cui si oppone.

Il governo afferma che ora cambierà rapidamente la legge per costringere gli operatori ferroviari a fornire un servizio minimo nei giorni di sciopero e consentire ai datori di lavoro di assumere personale temporaneo.

Se l’economia britannica inizialmente si è  ripresa dalla pandemia, una combinazione di carenza di manodopera, interruzione della catena di approvvigionamento, inflazione e problemi commerciali post-Brexit ha suscitato avvertimenti di una recessione.