Londra (Roberta Chiatti) – Molti cittadini europei riscontrano tuttora problemi in aeroporto quando devono rientrare in Regno Unito, Paese in cui risultano residenti tramite l’EUSS (European Settlement Scheme)

A dichiararlo è stata l’IMA (Independent Monitoring Authority) Citizens Rights, l’organizzazione che da anni si occupa di tutelare i diritti dei cittadini europei in Regno Unito dopo la Brexit.

Secondo le denunce ricevute dall’IMA, finora i cittadini europei hanno riscontrato essenzialmente due problemi:

“Il primo è che alcune compagnie aeree richiedono una prova dell’EUSS prima di farli salire a bordo. Altre denunce che abbiamo ricevuto sono relative al fatto che alcune compagnie aeree respingono i passeggeri che mostrano le carte d’identità” – dichiara Pam Everett, Director of Operational Delivery, su London ONE Radio

Questi comportamenti da parte delle compagnie aeree sono sbagliati, perchè devono solo controllare se i passeggeri posseggono una valida carta d’identità o un valido passaporto. Infatti i cittadini residenti in UK, a differenza dei turisti, possono usare la carta d’identità fino al 31 dicembre 2025.

Ed è per questo motivo che l’IMA ha inviato una lettera a tutte le compagnie aeree, ricordando loro che non sono tenuti a respingere gli europei residenti in UK che presentano a bordo la propria carta d’identità

Per saperne di più ascolta l’intervista integrale