L’ultimo saluto alla regina. Chi c’era e quanto é costato il funerale di stato?

0
2632
Londonone radio sky
Londonone radio sky

Londra (P.B.O) Ieri é stata una giornata storica per la Gran Bretagna e per il mondo intero.

I funerali della regina Elisabetta II (la Grande) sono stati visti nel mondo da oltre 1 miliardo e mezzo di persone. 200 capi di stato, 300 illustri ospiti di tutte le nazione.

 l'arrivo di Mattarella a Londra per i funerali e li'incontro con l'Ambasciatore italiano a Londra
l’arrivo di Mattarella a Londra per i funerali e li’incontro con l’Ambasciatore italiano a Londra

alla Westminster Abbey sono arrivati a Londra Joe Biden, Emmanuel Macron, l’imperatore del Giappone Naruhito, Felipe e Letizia di Spagna, Alberto e Charlene di Monaco, e il nostro presidente della Repubblica Sergio Mattarella per dirne alcuni.

Una giornata iniziata per noi giornalisti alle 3.30 del mattino, oltre 500 mila persone per dare l’ultimo saluto a sua Maesta’.

 

20 mili uomini per garantire la sicurezza, una macchina che ha messo a dura prova Londra e la Gra Bretagna.

Grande attesa per la famiglia reale che era li al completo, tra di loro anche l’Italiano Edoardo Mapelli Mozzi, marito dell principessa Beatrice di York, la nipote della Regina Elisabetta.

Ma gli occhi e le telecamere erano puntati su William e Harry, che in questi giorni hanno riempito i giornali e i Tabloid britannici, per i roumors che vedrebbero un riavvicinamento tra i due fratelli. Ma per molti é stata solo l’occasione triste e inaspettata a far riavvicinare i fratelli che hanno preso insieme parte alla guardia del feretro nella camera ardente a Westmiste hall.

Alcuni nostri servizi live in campo

Il feretro é sfilato nelle strade di Londra tra l’abbazia di westmister  e Bukingam palace dopo di che ha preso la via per il castello di windsor dove migliaia di persone erano li dalla mattina per vedere aspettare il feretro, per vederlo anche pochi secondi passare davanti.

Hanno colpito i simboli indossati dalla Regina per l’incoronazione, posti sul feretro, erano li, senza vita, la corona, lo scettro e il mappamondo in oro, simboli di una monarchia, sovrana nel mondo. L’inizio e la fine di 70 di un regno onorato fino all’ultimo/

Quegli oggetti saranno usati per l’incoronazione di Carlo III sempre alla Abbazia di Westmister, la data é da stabilire ancora.

Alla fine il carro é entrato nella chiesa di St George dove si erano trasferiti con dei coach i capiti di stato per l’ultima funzione religiosa prima della sepoltura:

Si conclude cosi’ l’era di Elisabbetta II, e con essa una monarchia di cui si sentirá parlare solo nei libri di storia. Ora é il tempo di guardare al futuro, quello di Re Carlo III, e poi di Williams.

QUANTO É COSTATO IL FUNERALE? SPESE CHE RICADRANNO SUI SUDDITI

La cifra esatta forse non si saprá mai. Ma il Financial Times fa un paragone, con i funerali Diana e i matrimoni di William e Harry,  ma è certo che superano i circa 4 milioni spesi per l’estremo saluto a  Lady Diana, e anche i 5 milioni stanziati per le esequie della  Regina Madre.  Per il principe Filippo a causa delle restrizioni anticovid, era stata celebrata in una forma più modesta.

Il matrimonio di William e kate é costato circa 6 miliomi di sterline, quello di Harry poco piu di 4.5 milioni di sterline. 

Ora considerando i funerali di un monarca come la regina Elisabetta II, la sicurezza, hotel per i capi di stato, trasporti, parate, e considerando anche i molti business che hanno chiuso in questi giorni, si pensa che l’operazione si costata:

Intorno alle 10 milioni di sterline, che ricadranno sui contribuenti.

Ma visto la partecipazione, pare che i contribuenti, il popolo britannico e non solo siano stati felici e onorati di partecipare, e non ha importanza se in tasse dovranno ( dovremmo) ridare indietro qualcosa, per la Regina si puó fare.

Anche perché va considerato anche i ritorni economici turistici, e di attrazione che d’ora in poi ci saranno in UK per la visita al castello di Windsor, poi i gudget, il pellegrinaggio dei turisti nei luoghi simbolo della regina come il castello di Balmora che giá é stato destinato a diventare un museo, almeno una parte.

E poi non dimentichiamoci che ci sará l’incoronazione di Re Carlo III che porterá altri soldi nelle casse dello stato.

In altre parole una Monarchia che toglie qualcosa e da qualcosa. Ma lo sappiamo la monarchia brittannica é la piúi importante al mondo, é la corono delle corone, la piú storica, la piú conosciuta, con l’impero piú grande della storia.

Vedi la nostra sezione didicata dei servizi radio con video e articoli

londononeradio morte della regina elisabetta II

ALCUNE CURIOSITÁ

Il messaggio di Carlo III sulla bara di sua madre. Ha incuriosito tutti quel messaggio semplice ed essenziale che recitava :” In loving and devot memory… CR” la dicitura C R sta per Charles Rex che in latino Rex vuol dire RE.

Perché il figlio di William, George era l’unico che non era vestito di nero ma di blu?

Nulla di strano ne di messaggio nascosto come hanno fatto pensare alcuni giornali italiani. Il colore blu era anche l’abbigliamento formale scelto da Harry e William quando, poco dopo la morte della regina, hanno salutato le persone in lutto fuori dal Castello di Windsor.
Non è una novità, il blu ai funerali.

Aveva scelto il blu navy con cravatta nera anche Carlo nel 1997, per i funerali di Lady Diana.

“Il codice per gentiluomo è in realtà un abito blu scuro e una cravatta nera” ha spiegato a Express UK la fashion coach Miranda Holder.
Quello che é strano non sono gli abiti, non é il clamore che prima o poi svanirá nel nulla, non sono gli abiti e le critiche delle persone, la cosa che fa strano da oggi é che non c’e’ piú la regina Elisabetta II.

Tutti noi eravamo abituati ad averla nelle nostre vite, anche se lei stava in silenzio. Ora fa strano, la Gran Bretagna e il mondo non vedranno mai piú quella piccola signora dai vestiti colorati, che incantava il mondo intero anche con le sue battute.

Insomma una capitolo di storia che finisce, la sicurezza di una colonna portante che non c’é piú, non solo in UK ma nel mondo. Mancherá. Mancherá tanto.
Ma come disse il sommo poeta Dante: “Questa é la sorte dell’Umana genti”.

Vedi la nostra sezione didicata dei servizi giornalistici con video e articoli