Ai cittadini dell’UE vengono ricordati i loro diritti quando si recano nel Regno Unito

0
150
Londonone radio sky
Londonone radio sky

Londra (redazione – servizio pubblico)  Ai cittadini dell’UE e del SEE EFTA vengono ricordati i loro diritti quando si recano nel Regno Unito dall’Autorità di monitoraggio indipendente per gli accordi sui diritti dei cittadini (IMA).

Con la stagione estiva, l’IMA continua a ricevere lamentele e informazioni da persone che incontrano difficoltà con le compagnie aeree durante i viaggi nel Regno Unito.

L’IMA, che è stata istituita per garantire che i diritti dei cittadini dell’UE e del SEE EFTA che sono protetti dall’accordo di recesso dell’UE e dall’accordo di separazione SEE EFTA siano sostenuti dagli enti pubblici, è stata oggetto di discussioni in corso con il Ministero dell’Interno sui viaggi nel Regno Unito.

Il Ministero dell’Interno ha confermato che i cittadini che detengono lo status di prestabilito o stabilito nell’ambito dell’EU Settlement Scheme (EUSS) o che sono in attesa dell’esito di una domanda valida potranno ancora utilizzare la propria carta d’identità nazionale per entrare nel Regno Unito almeno fino a quando 31 dicembre 2025.

Coloro i cui diritti sono protetti dagli accordi di recesso e separazione ma non hanno uno status ai sensi dell’EUSS, come i lavoratori frontalieri e quelli con domande EUSS valide in attesa, possono anche continuare a utilizzare le loro carte d’identità nazionali valide per entrare nel Regno Unito.

La scorsa settimana, l’IMA ha emesso una lettera aperta ai vettori aerei per ricordare loro le linee guida emanate dal Ministero dell’Interno:

“I vettori non sono tenuti a controllare lo stato di immigrazione di un cittadino UE o SEE EFTA, indipendentemente dal fatto che una persona abbia lo status di EUSS o il suo diritto a viaggiare su una carta d’identità nazionale. Devono solo verificare di avere un passaporto valido o una carta d’identità nazionale.

“I cittadini che vivono nel Regno Unito con uno status prestabilito o stabilito dovrebbero vedere il loro stato digitale riconosciuto automaticamente al confine del Regno Unito al momento dell’ingresso, a condizione che utilizzino gli stessi dati personali e documento di identità che hanno utilizzato per presentare domanda all’EUSS o che siano associati al loro Conto UKVI. È quindi molto importante che questi documenti siano aggiornati”.

I cittadini i cui dettagli o documenti di identità sono cambiati da allora, come un nuovo passaporto o una carta d’identità nazionale, possono trovare informazioni su come aggiornare i propri dettagli sul proprio account UKVI tramite GOV.UK. Il mancato aggiornamento dei conti UKVI può comportare controlli al confine del Regno Unito per verificarne lo stato.

Ulteriori indicazioni sull’ingresso nel Regno Unito nell’ambito dell’EU Settlement Scheme e del permesso di famiglia dell’EU Settlement Scheme sono disponibili sul sito web di Border Force.

L’IMA incoraggia tutti i cittadini che incontrano difficoltà nell’esercizio dei propri diritti a renderli consapevoli di ciò attraverso il proprio portale online.

Rimanere a Cipro del Nord causerà problemi per i successivi viaggi nell'UE? | Travelplansinmomhands
Icona di Verificata con community